Io sto con Laura e non sono pagato da lei. In Italia, la regressione non è solo economica ma anche culturale se non addirittura di educazione basilare.

Se da un lato internet ha permesso di aprire nuovi orizzonti e di abbattere barriere e frontiere materiali, dall’altro ha fornito diffusione di notizie false e la galoppante crescita dei populisti. Alimentando le paure della gente, i populisti hanno visto aumentare il proprio consenso specialmente sui social media che poi si trasforma in odio viscerale da condividere sui social media.

Se la Presidente della Camera Boldrini dice che il dialogo di questi giorni è agghiacciante, io dico invece che fa schifo perché non dovevamo arrivare a questo punto.

Negli anni passati, se una donna sia di destra o sinistra veniva insultata, quest’ultima raccoglieva la solidarietà bipartisan di tutte le altre donne. Oggi, sono le stesse donne ad insultare altre donne anzi, una donna in particolare: Laura Boldrini.

E dove sono i leader (maschi) di quei partiti dell’odio? Alimentano odio e ancor di più i femminicidi che in Italia sono sempre più in aumento.

E se tali leader e donne esponenti politiche non esprimono la loro solidarietà alle altre donne, allora dobbiamo pensarci noi perché, appunto, #IoStoConLaura

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s